Quando si sta insieme a lungo si arriva a creare una famiglia in tutti i sensi.

La famiglia


la famiglia Nella vita di coppia, se tutto va per il verso giusto, si ha come fine ultimo la creazione di una famiglia. Ovviamente non è indispensabile a tale scopo che il rapporto sfoci nel matrimonio, ma semplicemente nel comune desiderio di vivere insieme perseguendo degli obiettivi condivisi da entrambi i partner.
Può accadere, però, che con il passare del tempo si smarrisca la strada e le cose sembrino diventare più difficili generando una perdita di interessi per il rapporto di coppia. Quando questo accade non sono solo i due protagonisti a subire una dolorosa battuta d'arresto, ma tutta la famiglia (compresi i figli se ce ne sono) ed anche tutta la sfera di amicizie comuni.
A volte sono proprio gli amici il perno utile per rinsaldare il rapporto permettendo di trovare una nuova affinità, soprattutto quando sono amici di vecchia data di cui entrambi hanno fiducia. Si tratta di persone che conoscono le abitudini e i progetti della coppia e possono dare una mano nella ricerca di nuovi punti d'incontro su cui basarsi per ritrovare il desiderio e il piacere di vivere insieme.
Quando invece non si ha la possibilità di affidarsi a rapporti preziosi come gli amici, diventa indispensabile trovare la forza di fare insieme il punto della situazione e cercare di capire se ci sono ancora i capisaldi su cui basare il rapporto.
Nel caso ci fossero anche dei figli, a volte può essere utile coinvolgerli (almeno in una parte) in questa ricerca per diversi motivi. Prima di tutto per evitare che i bambini si colpevolizzino, infatti quando gli adulti litigano o, peggio, si ignorano, i figli sono portati a credere che può essere colpa loro, per qualche loro comportamento sgradito, causando pesanti sensi di colpa che provocano conseguenze anche sul rendimento scolastico. Invece spiegando loro che mamma è papà stanno affrontando un periodo difficile possono essere più sereni e comprendere la situazione. Se invece i figli hanno già un'età "adulta" è opportuno coinvolgerli perché possono essi stessi dare una nuova spinta a proseguire il rapporto.

Ovviamente non è mai un bene intestardirsi nel voler ossessivamente mantenere in piedi una relazione che non esiste più, ma non bisogna neanche buttare alle ortiche un rapporto che può dare ancora tanto, solo a causa di un leggero smarrimento. Quindi è necessario cercare un dialogo per riflettere insieme su quanto è stato fatto e quanto si può ancora fare.
Nel caso in cui, dopo attenta analisi, si arrivi alla conclusione che si sono intraprese strade divergenti e non si hanno più obiettivi comuni (oltre a non avere più il desiderio e il piacere di vivere insieme), è consigliabile indirizzarsi verso una scelta matura che consenta ad entrambi di trovare nuove strade senza farne un dramma insormontabile. Del resto un rapporto, così come è nato per volere di entrambi, allo stesso modo può anche finire permettendo di conservare il meglio di una esperienza che ha sicuramente reso più forti e più maturi.
Insomma tutto sta alla saggezza dei partner che devono impegnarsi a trovare il tempo e lo spazio per un'analisi serena, che conduca alla scelta più razionale e più utile senza lasciare troppe ferite aperte.





Vedi anche:




Iscriviti alla Newsletter


...ricevi GRATIS le nostre presentazioni sull'amore.


Libro della settimana:



Norme sulla privacy